PSG

PESO NEET


« Perdon d’assisi Uno sguardo sulla settimana »

pubblicato il 23 luglio, 2017

L’ultima indagine pubblicata dalla Commissione europea assegna all’Italia il record di N.E.E.T. La sigla significa: Not in Employement, Education or Training. Sono giovani fra i 15 e i 24 anni che non studiano, non lavorano e non stanno facendo percorsi di formazione: quasi il 20%! A questa si accompagna la percentuale di disoccupazione giovanile: 37,8%. Un leggero calo rispetto al 2015. Bisogna notare che ambedue i dati persistono a livelli eccessivi da troppi anni e indicano una situazione drammatica che rischia di passare per ordinaria ed invece non lo è.
Una notizia bomba, vero? Non pare proprio. Riceve più interesse il calciomercato, scatena più discussione la sentenza di questo o quel processo, ogni occasione poi è buona per amplificare scandalo e indignazione. Ma dei giovani e del loro futuro chi si interessa? Abbiamo coscienza della portata sociale di questi fenomeni? Riguardano milioni di persone e le loro famiglie.
Cammino lungo il Viale. E’ da poco mezzogiorno, praticamente nessuno in giro. Resta quel silenzio che solo l’estate ti regala. Ora di pranzo per tutti, tempo di ferie per chi può. Certo. Ma anche un senso di vuoto al pensiero che troppi ragazzi si stanno rassegnando a vivere alla giornata e non lottano più. Noi – così schiacciati sul presente e ben attenti alle nostre sicurezze – quasi non ci accorgiamo del loro assordante silenzio.

Natalino Bonazza


Precedenti »

Archivio