«DAMMI TEMPO»


« Il vandalo ha sempre torto Caro don giorgio »

pubblicato il 27 maggio, 2018

Una serata con Clown Crostino

 

L’invito era arrivato con un tag su facebook e ci avevamo cliccato sopra il classico: «mi piace».

Stasera andiamo alla Festa del Villaggio della parrocchia di San Giuseppe. Si mangia, si beve. Dopo c’è anche Clown Crostino. Credo farà uno spettacolino per i bambini… Ecco il palco, un po’ di sedie, due luci. Ci sediamo? Dai, non durerà molto… ecco il Clown Crostino! Ci fa ridere un sacco ma anche riflettere sul significato della parola «tempo». I bambini si divertono, è vero! Ma i grandi non si stancano, che strano. Si trovano coinvolti, riflettono, intervengono. Decidono di ascoltare un ragazzo che ha seguito il suo sogno. Un ragazzo i cui genitori non erano all’inizio felici della sua scelta. Ma poi hanno capito.

Nel dibattito. moderato da don Natalino, interviene anche don Gianluca Brisotto, un salesiano che per molti anni è stato impegnato «a tempo pieno» in oratorio (patronato) a Chioggia e ora è parroco a Verona. Il pubblico partecipa con domande e considerazioni, non solo rivolgendosi a chi sta seduto sul palco. In qualche momento il dialogo si apre a più voci coinvolgendo padri e figli, che si parlano, si scambiano esperienze e riflessioni.

«Battere il tempo, ho il tempo contato, c’è un tempo per ogni cosa, sarò breve, conto fino al tre, posso rubarle un minuto?, ancora 5 minuti, part time, bisogna pur far passare il tempo, mi manca il tempo, che carino! Quanto tempo ha?, presto che è tardi, non ho tempo da perdere, di tempo ne ha da vendere, il tempo vola, dar tempo al tempo, tempo scaduto, 100 di questi giorni, a suo tempo, a tempo perso, siamo ancora in tempo?, guadagnar tempo, ognuno ha i suoi tempi, lascia il tempo che trova, temporeggiando, che tempismo!, come passa il tempo, ai miei tempi, bei tempi, fine primo tempo, il tempo è denaro, capirai… ogni cosa a suo tempo, non è proprio tempo di, tempi duri, col tempo tutto si aggiusta, il tempo è galantuomo, …». Si fa a gara a chi trova più modi di dire, a chi pronuncia più frasi nelle quali compare la parola «tempo». Davvero sappiamo che il tempo è molto prezioso e che anche con tutto ľoro del mondo non lo si può comprare?

Come sarebbero andate le cose più di duemila anni fa se Maria avesse risposto all’angelo Gabriele: «Scusami, adesso non ho proprio tempo. Puoi passare domani?». Dai che ci è andata bene, ha invece risposto: «Eccomi!».

Elena e Bruno







Archivio