GHE BASTA PROPRIO POCO


« Riprendiamoci il natale Grazie »

pubblicato il 28 dicembre, 2018

Poesia davanti al presepio 2018

 

– Come che la va? No ghe xe mal!

– Dai, che almanco xe rivà Nadal.

Tanti auguri, abbrassi e basi,

sorrisi stampai e solite frasi…

A dir el vero ghe sarìa bisogno

de un fià de pase: ah che sogno!

Ma co sti quarti de luna proprio no par

che da un zorno a staltro ghea podemo far.

Ti lezi l giornal, ti vardi la tivù,

buta un ocio su feisbuc, no ti ghea vanti più:

un bordeo de paroe, tanti bruti fati.

no se capisse gnente, da deventar mati.

‘Na marea de notissie storte o roversae,

che le sia vere vere o che le sia tute bae,

la zente se rabia, i se sera da note,

qualcun sclera e i se ciapa a bote.

Varda qua e scolta ‘na vera storia,

sempre nova, anca se ti la sa a memoria.

Do sposeti parte da casa col so giumento

ghe toca farlo, lo comanda el censimento.

Sul più belo che a Gerusalem i xe rivai

riva l’ora del parto, i xe spasemai!

No ghe xe un loghetto In mezo a tute ste case

perchè el fantolin e so mare gabia un fià de pase.

Cossa sarà mai che de na famegia se ga paura!

Amen. Maria e Isepo core via, fora dae mura.

I trova un postesìn in mezo ala campagna,

e nasse el picinin, dove che le bestie magna.

Al Dio grando altissimo ghe basta proprio poco,

se no ti lo ga capio ti xe proprio un soco:

no ‘na cuna de bombasa, de trine e pupasseti

xe un altro el spassio dove occorre che ti lo meti.

El nostro cuor poareto xe el posto par Lu più beo,

perchè la nostra terra sia benedeta dal Cieo.

E cussì ‘sta storia – ti vedi? – la xe proprio vera,

co la fa rinasser el mondo e la to vita intiera

 

Bona







Archivio