PASQUA: CON CHI VUOI?


« Si apre la lotteria della festa del villaggio Uno sguardo sulla settimana »

pubblicato il 12 aprile, 2019

Conosciamo tutti il detto: «Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi». Come sia nato e che cosa significhi non ha una spiegazione unica. Certo, rilanciato in primavera, quel «Pasqua con chi vuoi» accende la voglia di scampagnate all’aria aperta con gli amici, se non di un bel viaggio in Italia o all’estero. E sicuramente, prima o poi, diventa argomento di conversazione a casa o in ufficio.

Provate a sentire questa. La domenica delle Palme ia proclamazione del vangelo inizierà così: «Quando venne l’ora, Gesù prese posto a tavola e gli apostoli con lui, e disse loro: “Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione…”» (Lc 22,14). Un desiderio che non si è mai spento, ma tuttora risuona nella Chiesa: il Risorto vuole oggi fare Pasqua con tutti noi. Forse non lo consideriamo abbastanza: lui ci precede, perchè ama per primo, prende l’iniziativa e continua a dirci quanto ci tiene ad averci attorno a sè nell’ora della sua passione, morte e risurrezione.

Per gli apostoli la sala, grande e arredata, al piano superiore divenne il luogo della convivialità e del dialogo cuore a cuore, dell’amicizia e delle consegne, della promessa e dell’addio. Non lo sapevano prima, lo scoprirono poi grazie agli incontri con il Risorto e all’effusione dello Spirito: quel luogo sarebbe divenuto il grembo da cui rinascere a vita nuova, divenendo comunità di discepoli suoi testimoni in ogni ambito di vita.

Come gli apostoli, lasciamoci conquistare dall’ardente desiderio di Gesù. Ci farà bene accogliere il suo invito.

Buona Pasqua!

don Natalino
don Andrea
don Gilberto
don Adriano







Archivio