I SANTI DELLA SETTIMANA


« Buon campo agli scout! Cresima in parrocchia »

pubblicato il 29 giugno, 2019

Mercoledì 3 luglio ricorre la festa di San Tommaso apostolo. Il suo profilo è segnato non solo dal dubbio o da un certo scetticismo, ma anche dalla solida fedeltà di chi persevera nella fede. Sotto vari aspetti possiamo sentirlo vicino nelle difficoltà e nelle prove, come un discepolo che ha seguito il Signore e ha cercato di incontrarlo personalmente. Infatti grazie a lui abbiamo la più bella espressione di fede, piena ed autentica, contenuta nel vangelo secondo Giovanni: «Mio Signore e mio Dio!» (Gv 20,28).
Giovedì 4 luglio nel nostro Patriarcato si fa la memoria liturgica di San Eliodoro, vescovo dell’antica città romana di Altino. E’ testimone della prima evangelizzazione delle nostre terre. Fu amico e collaboratore di san Girolamo: da giovane lo seguì prima ad Aquileia e poi in Oriente, dedicandosi alla preghiera e allo studio della Bibbia. Nel 381 divenne primo vescovo di Altino, allora crocevia di grande importanza, poiché da questa città partiva la via Claudia Augusta che arrivava fino in Germania. Da anziano si ritirò su un’isoletta deserta della laguna e qui morì attorno al 410.

Infine sabato 6 luglio infine si ricorda Santa Maria Goretti. Nata nel 1890, figlia di contadini, era la seconda di sei figli. La madre rimase vedova e dovette iniziare a lavorare. Per questa lasciò a Maria l’incarico di badare alla casa e ai suoi fratelli. A undici anni Maria fece la Prima Comunione e maturò il proposito di morire prima di commettere dei peccati. Un giovane di 18 anni, invaghitosi di lei, Il 5 luglio del 1902 la aggredì e tentò di violentarla. Alle sue resistenze la ferì a morte a colpi di punteruolo. Maria morì il giorno successivo e prima di spirare perdonò il suo assassino, il quale in carcere fece un cammino di ritorno alla fede. Maria Goretti fu proclamata santa nel 1950 da Pio XII.







Archivio