DOVE TI PORTA IL CUORE?


« Vieni a cantare con noi! Passi fioriti »

pubblicato il 23 settembre, 2019

Non ho mai letto il celebre romanzo di Susanna Tamaro, pubblicato venticinque anni fa. Non mi ha mai convinto. Ho preferito scegliere altre letture. E’ come per le amicizie: te le scegli, mica devi stare in una compagnia per forza. Vi chiederete allora: perché mai hai scelto un’allusione così esplicita? Perché mi sembra consona all’agitazione settembrina, che contagia grandi e piccoli, spingendoli a trovare qualcosa di interessante e piacevole dopo il lavoro e/o la scuola, ad iscriversi a questa o quest’altra attività, a pensare come organizzare il fine settimana… Mille fiori, su cui danzeranno come api che succhiano ora qua e ora là, senza posa. Col rischio di perdere di vista il punto fondamentale e quindi senza individuare davvero il «dove». Ha ben ragione Gesù nel farci notare: «dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore» (Lc 12,34). Dov’è il tuo tesoro? Che cosa è per te più importante e prezioso? Che cosa esercita una vera attrattiva interiore? Che cosa è capace di unificare i nostri sforzi, le nostre fatiche, il nostro impegno? Che cosa dà valore alla tua vita e rimane davvero per sempre? Per il credente la risposta prende volto: Gesù Cristo è il nostro tesoro. Abbiamo bisogno di incontrarlo, di stare con lui, di rimanere nell’amicizia con lui, di amarlo. E’ una cosa seria, non certo riducibile ad un sentimento generico, all’impulso istintivo, ad un bisogno del momento.

Amicizia vuole sempre fedeltà e concretezza. Nei riguardi di Gesù si tratta di rispondere alla grazia di Dio, perché in Gesù il Padre ci ama per primo e ci dona il suo Figlio. Sì, il verbo va coniugato al presente, non al passato: si tratta infatti di un avvenimento celebrato nella messa del «giorno fatto dal Signore», chiamato appunto «domenica». Qui c’è il tesoro per noi tutti. Fallo tuo.

Natalino Bonazza






Archivio