PASSI FIORITI – SALIRE A BARBIANA


« Dov’e’ dio? Uno sguardo sulla settimana »

pubblicato il 29 novembre, 2019

Tutte le nostre vite sono fatte d’incontri, alcuni così significativi da diventare stelle che illuminano la notte. La prima volta che ho sentito parlare di don Lorenzo Milani è stato alla scuola media grazie alla passione di un giovane insegnante di religione – oggi vescovo – che con pazienza e tenacia provava ad educare una classe di malandrini. Spesso citava la scuola di Barbiana e rispondeva alle nostre domande portandoci a riflettere sulla realtà con l’esperienza di don Lorenzo “in una mano il Vangelo nell’altra i quotidiani”, ma soprattutto aiutandoci ad imparare a camminare insieme, tenendo stretti i più fragili.

Crescendo ho voluto approfondire la vita di questo prete-educatore che è stato capace di una pedagogia rivoluzionaria e di un’azione sociale che ha al centro gli ultimi, la giustizia sociale e il pacifismo. Mandato in esilio, in un minuscolo paese di montagna del Mugello, pagherà duramente la sua coerenza al Vangelo. Così molti decenni dopo, incontro la biografia di don Pierluigi Di Piazza fondatore del Centro “Ernesto Balducci” di Zugliano – Udine che in don Lorenzo ha trovato un maestro spirituale e una guida in trent’anni di accoglienza di persone immigrate, profughe e rifugiate politiche, nell’azione quotidiana di dare grammatica ai poveri.

Così le esperienze di due uomini – preti – distanti nel tempo – ma accomunati da una fede coerente – fatta di Parola e azioni – mi portano al desiderio di visitare Barbiana.

L’autunno in Toscana è un collage di colori, l’umidità avvolge il paesaggio con nuvole basse. In compagnia di un gruppo di amici, con cui ho condiviso la preparazione a questo viaggio, intraprendo il sentiero della Costituzione che porta a Barbiana. Il percorso in mezzo al bosco si apre con le parole di don Lorenzo “Non c’è nulla che sia ingiusto quanto far le parti uguali tra diseguali”. I nostri passi, nel percorso che s’inerpica, sono accompagnati da alcuni cartelli che ricordano la Costituzione italiana. Ogni cartello è un articolo, un disegno, la firma dell’associazione o del gruppo che se ne prende cura. Le parole di fondamento della nostra democrazia… Quanti le conoscono? Quanti se ne ricordano? Spunti di riflessione e pensiero, prima di arrivare alla piccola chiesa – canonica, immersa nel silenzio, in cui il Priore faceva scuola in mezzo al niente.

E le parole di Michele Gesualdi, il suo allievo che lì gli riposa accanto, illuminano il nostro andare “le storture contro le quali don Lorenzo si è battuto ed ha insegnato a combattere, esistono ancora. Ieri come oggi ci sono nella società i primi e gli ultimi, i colti e gli incolti, gli inseriti e gli emarginati, i poveri e i ricchi. Le Barbiane nel mondo sono ancora tante e i barbianesi molti di più numerosi, hanno solo cambiato luogo e pelle…”

Monique Pistolato







Archivio