RESPONSABILITA’


« La croce fiorita La preghiera del primo maggio »

pubblicato il 23 aprile, 2020

Non è il caso di citare fatto specifici, tuttavia è chiaro che il presente richiamo è stato provocato da situazioni concrete. Per quanto riguarda i patronati delle nostre parrocchie tutti – indistintamente – i volontari sono tenuti ad osservare quanto disposto dal Patriarcato e comunicato alle parrocchie a seguito di quanto stabilito dalla Regione Veneto fin dal 24 febbraio u. s. La sospensione di ogni attività all’interno dei patronati permane – fino a nuove disposizioni – e va osservata da tutti i singoli, ad evitare ogni assembramento e quindi il rischio di contagio. Il fai-da-te è riprovevole, perché manca di responsabilità non solo verso se stessi e verso altri, ma anche verso la comunità parrocchiale e verso l’intera comunità civile. Il volontario che ravvisasse la necessità di entrare in patronato è tenuto a chiedere l’autorizzazione al parroco, il quale in quanto rappresentante legale ha responsabilità civile.







Archivio