NOVITA’ DA GENTEVENETA


« Uno sguardo sulla settimana A messa: come si fa? »

pubblicato il 29 maggio, 2020

Serve uno shock per ripartire: il tessuto produttivo del Veneziano chiede misure urgenti e sostanziose per affrontare l’emergenza Covid. E l’assessore veneziano Simone Venturini sottolinea: «Fare di tutto per evitare la crisi sociale: c’è il rischio di decine di migliaia di nuovi poveri nel nostro territorio».

È questo il tema di fondo del nuovo numero di Gente Veneta, che propone anche:

  • Grest: si parte sulla carta. Ma nella realtà? Le prescrizioni di sicurezza sono tali che difficilmente si potranno organizzare. Le parrocchie attendono l’ultimo protocollo regionale e si interrogano sul da farsi.
  • Fondo San Nicolò, dal 3 giugno le domande. Il Patriarcato dà avvio al nuovo strumento per sostenere chi è in difficoltà per la crisi da Covid.
  • Pochi prima, zero adesso. Nelle cinque residenze per anziani di Ipav, a Venezia, l’emergenza Coronavirus è stata controllata e ora siamo a zero tamponi positivi.
  • Cento borse di studio grazie all’eredità di Anna Maria Chiap. La Diocesi distribuirà i contributi da 500 euro l’uno a cento studenti universitari.
  • Mira, per gli utenti ultrasessantacinquenni del Centro San Martino la spesa arriverà a casa grazie agli scout.
  • Jesolo, mercato immobiliare quasi fermo. Gli operatori: «Difficile fare previsioni»
  • Pentecoste, così la vive Tiziano. La solennità letta attraverso il dipinto conservato alla Salute.






Archivio