IN MEMORIA DI DENISE – Una testimonianza


« Ci vuole un reset Uno sguardo sulla settimana »

pubblicato il 11 settembre, 2020

“Ciao sono Denise, la mamma di Vincenzo. Sono venuta per aiutare”.

Così ti sei presentata a casa nostra trentanove anni fa, quando è mancato nostro fratello Mauro.

Ci ho pensato tante volte e ancora non so se in quei due mesi di permanenza tu, Denise, avessi almeno un letto per riposare la sera. Sempre nel silenzio pensavi a farci da mangiare, a pulire… e da allora tu sei diventata una seconda mamma per tutti noi e la zia Denise di tutti i nostri figli, tuoi nipoti adottivi.

Sei venuta per aiutare senza aspettarti mai niente in cambio, perché tu sei così.

Ci hai accompagnato in ogni momento di gioia e di difficoltà. Non c’era evento piccolo o grande in cui tu non ci fossi. Ogni matrimonio, ogni battesimo, ogni festa… tutto veniva pensato, organizzato e vissuto con te.

Il tuo sostegno e la tua presenza erano fondamentali per la nostra mamma, perché sapevamo che trovava in te una persona su cui contare sempre e chi, come noi, ha vissuto il lutto, sa quanto questo sia importante: noi figli di questo ti saremo eternamente grati.

Non hai mai dimenticato un anniversario, un compleanno, l’esito di un esame… Gioivi con e per noi, così come stavi male e pregavi quando qualcuno di noi si trovava in difficoltà.

Da subito con discrezione ti sei pure inserita nel gruppo parrocchiale mettendo a disposizione le tue abilità manuali. Lavoravi in silenzio, portando ogni fine settimana – fino a qualche giorno fa – i tuoi manufatti che venivano venduti dalla bancarella missionaria, per aiutare chi ne avesse bisogno in parrocchia a Gardigiano o nelle missioni che il parroco indicava.

Hai tessuto un’ampia rete di relazioni, mantenendole vive con il tuo modo dolce e semplice.

Il Signore sa tutto il bene che tu hai seminato, come ad esempio lo spenderti come cuoca volontaria nei campi scuola della tua parrocchia, presso la mensa dei poveri, e chissà quanto altro tu hai fatto senza metterti in mostra… perché tu sei così.

Oggi noi salutiamo una mamma.

La grandezza della tua bontà d’animo rimarrà sempre impressa nei nostri cuori e ti promettiamo carissima Denise di fare del nostro meglio per riuscire ad essere almeno un po’ simili a te.

Ti vogliamo tanto bene.







Archivio