CAMMINARE INSIEME


« Una sosta di preghiera Voi da che parte state? »

pubblicato il 25 settembre, 2020

Ogni estate ho l’occasione di fare delle belle escursioni in montagna. Non sono mai da solo, anzi negli ultimi anni – riprendendo il compito di  assistente ecclesiastico degli scout – ho sempre fatto strada con i ragazzi. Non è semplice tenere insieme chi ha il passo lungo e veloce e chi ha il fiatone e va come può col suo passo. Su per il sentiero il gruppo si tende come un elastico, ma non si sfilaccia se i primi sanno attendere, incoraggiare ed anche aiutare chi non ce la fa e se gli ultimi davvero ce la mettono tutta con umiltà e senza scoraggiarsi.

Qualcosa di simile può e deve avvenire nelle nostre comunità parrocchiali ed in particolare nella ripresa del catechismo, che sta maturando una nuova impostazione grazie al coinvolgimento delle famiglie. Occorre imparare l’arte di camminare insieme. Un’arte che impariamo gli uni dagli altri, quando i nostri incontri sono veri e non formali, arricchiti di ascolto e di paziente fiducia, capaci di muovere passi concreti invece di ubriacarsi di parole sterili.

Anni fa andava di moda il motto «pensare in modo globale e agire a livello locale». In modo analogo, il nostro piccolo camminare insieme nell’educazione alla fede ci fa vivere la comunione della Chiesa.

Natalino Bonazza






Archivio