VERSO LA MADONNA DELLA SALUTE


« Novita' da gente veneta Catechismo »

pubblicato il 13 novembre, 2020

Quest’anno la ricorrenza della Madonna della Salute va al punto da cui ha preso origine: un voto con cui Venezia si è affidata all’intercessione della Madre di Dio, perché la peste fosse sconfitta e la città intera venisse salvata. Oggi, in piena pandemia, più che un tempo di festa viviamo un tempo di prova e perciò di supplica: pertanto occorre fare insieme un pellegrinaggio del cuore, rivolgendoci a Maria la quale ci dice, come quel giorno a cana: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela» (Gv 2,1-11).
La prima proposta per le nostre parrocchie è di fare una novena di preghiera a partire da giovedì 12:

  • in chiesa con la recita del rosario e delle litanie alle ore 17.30 a San Giuseppe e alle ore 17.45 al Corpus Domini;
  • in casa, genitori e figli, con la forma breve diffusa mediante i social.

Alla conclusione si propone per tutti la preghiera del Patriarca Francesco.

La seconda proposta è la partecipazione alla messa della festa liturgica,che avrà i seguenti orari:

  • a San Giuseppe venerdì 20 alle ore 18 e sabato 21 alle ore 11;
  • al Corpus Domini sabato 21 alle ore 10.

Inoltre il Patriarcato comunica che è concessa una speciale indulgenza plenaria, alle consuete condizioni, a tutti quei fedeli che visitano chiese parrocchiali o santuari, chiese rettoriali, cappelle (di luoghi di cura, residenze per anziani e istituti di reclusione) del Patriarcato di Venezia nei giorni 19-22 novembre 2020. Tale dono di grazia viene esteso anche a tutti quei fedeli anziani, malati oppure che per gravi motivi non possono uscire di casa e a coloro che li curano o assistono, i quali unendosi spiritualmente agli altri fedeli, dinanzi ad una immagine della Beata Vergine Maria, recitino il Santo Rosario secondo le proprie intenzioni e quelle del Santo Padre. Anche i fedeli che parteciperanno attraverso i mezzi di comunicazione (televisione, social media) alla celebrazione presieduta dal Patriarca nella Basilica della Madonna della Salute, il giorno della Solennità alle ore 10, possono parimenti lucrare l’indulgenza.







Archivio