UNO SGUARDO SULLA SETTIMANA


« L’augurio dei nostri preti Novita' da gente veneta »

pubblicato il 02 aprile, 2021

Vediamo di che pasta sei fatto!

E’ una frase che si usa per saggiare le capacità di una persona magari messa di fronte ad una situazione complicata, per capire quali sono le sue capacità; ed è quello che ha fatto anche un’azienda leader in un mercato molto caro a noi italiani, quello della…pasta!

Proprio così, la Barilla, nome storico della produzione nostrana di prodotti alimentari e nata come pastificio e panificio nel 1877, cerca personale, ma non per inserirlo nella produzione o negli uffici ma per creare nuovi tipi di pasta; è stato infatti appena bandito un concorso aperto a tutto il mondo dove si richiede l’invenzione di forme nuove e alternative per la portata principe degli italiani (ma non solo).

Il concorso – aperto recentemente – vuole trovare un prodotto  che dovrà rivoluzionare gli aspetti estetici, funzionali e gastronomici della pasta legato però a delle nuove materie prime, quindi niente grano duro ma farro, farine di legumi, mais, riso o grano saraceno.

Inoltre il nuovo formato “dovrà interagire in modo funzionale con il condimento, mescolando, contenendo o trattenendo il sugo per formare un effetto policromatico e fornire un’esperienza  gastronomica appagante” come è scritto nel bando di gara; oltre alle caratteristiche appena citate vengono fornite anche le misure della pasta: 45 millimetri per la corta e 200-300 millimetri per quella lunga.

Il concorso è aperto a chiunque voglia cimentarsi in questa gara di fantasia, il premio non sarà in prodotti gastronomici ma in sonanti euro, ben 4.000 per il vincitore oltre all’orgoglio di aver creato una nuova linea per un marchio storico.

Attenzione, se volete partecipare dovete conoscere l’inglese visto che è un concorso mondiale e avere dimestichezza con i disegni fatti al computer (rendering è il termine tecnico), infatti tutti i progetti dovranno essere corredati da un esempio della pasta, possibilmente in 3D.

Il termine per la presentazione degli elaborati scadrà il 4 di giugno e il vincitore sarà proclamato nel mese di luglio.

In questo periodo un po’ sottotono che stiamo vivendo rincuora un po’ sapere che ci sono super aziende che investono nel futuro e che ci prendono per la gola, nel senso gastronomico ovviamente!

Quindi se durante il pranzo della prossima domenica, davanti a delle tagliatelle fumanti vi viene l’ispirazione per cambiarle, mollate lì il piatto e sfrecciate al computer, hai visto mai che…

Buona Pasqua e… buon appetito.

Alessandro Seno






Archivio